L'Osservatorio sulla Qualità dell'Editoria, nella più completa indipendenza intellettuale e materiale da ogni gruppo di potere, affiliazione o lobby, prende in esame tutte le realtà editoriali in attività sul territorio italiano, qualunque sia la loro dimensione.

Fin dalla sua costituzione l'organismo indaga su ogni aspetto dei singoli marchi, dal livello qualitativo del catalogo ai materiali utilizzati per realizzare i volumi, passando per l'efficacia della distribuzione, la comunicazione con la filiera e con i lettori, i contratti sottoposti agli autori. Dal monitoraggio sono esclusi gli EAP, ovvero gli editori a pagamento che chiedono agli autori un contributo economico per la produzione dei libri o una quantità di copie dei suddetti da acquistare, in quanto meri stampatori sovente privi di una rete di distribuzione; quindi gli editori a doppio binario, ovvero coloro i quali non chiedono nessun contributo agli autori ma prendono finanziamenti da fondazioni, enti, università, circoli o associazioni di gruppo, singoli individui e quant'altri. Costoro non possono e non devono essere considerati editori puri, cioè capaci di assumere, in maniera eticamente corretta, il rischio d'impresa.

I collaboratori dell'Osservatorio sulla Qualità dell'Editoria si fanno ogni anno più numerosi, siano essi operatori esperti o cultori del libro, purché privi di vincoli o legami di dipendenza diretta con le realtà editoriali italiane. L'organismo si riserva di monitorare ed eventualmente di escludere i collaboratori inclini a qualunque forma di faziosità tale da pregiudicare l'onestà e la trasparenza delle valutazioni. 
OQ si esprime periodicamente sulla produzione dei marchi editoriali puri attraverso un giudizio incentrato su rigorosi parametri, che vanno dalla qualità dei testi alla grafica con la quale sono proposti, l'analisi degli apparati critici laddove presenti, la documentazione, il pregio dei componenti dei volumi (carta, legatura, impaginazione, font), la distribuzione e, non ultimo, il prezzo di copertina.


Rapporto XX


«Osa conoscere» diceva Kant, quando la conoscenza era vista come un pericolo. La cultura, a quel tempo, aveva allori ma anche armi da battaglia, e l'analisi critica della società e di chi promuoveva il sapere era tollerata se restava in uno stretto serraglio. Non appena metteva fuori il naso c'era il rischio, per i suoi apostoli, di finire emarginati, combattuti, talvolta addirittura arrostiti. Con lo sviluppo della civiltà sono cambiati gli imperativi: dall'avventura della conoscenza morale, spirituale e scientifica a quella dell'industria materiale con le sue specialità, dove l'ansia della competizione è al servizio della società "ufficiale", dello status quo, delle conventicole di promotori di sé, pronti a dir bene dei colleghi o degli amici in base al tornaconto privato.

Immersi come siamo nell'ultima di queste fasi, con operatori del settore, informatori culturali, librai e blogger sovente rapidi e lodevoli con certi gruppi e neghittosi con altri, dopo una capillare analisi delle novità e delle conferme rileviamo come nell'anno 2020, molto difficile perché investito da una pandemia nella quale la cultura è stato il primo settore a pagare e l'ultimo fra quelli sostenuti, il recupero dello standard di qualità segnalato nel biennio precedente abbia registrato un calo notevole. Ciò premesso, la valutazione di OQ non è influenzata, come da trent'anni a questa parte, dal numero di pubblicazioni, dalla potenza finanziaria o dal blasone di alcuna casa editrice. Il rapporto si attiene ai parametri evidenziati in corsivo nello statuto e si riserva di stilare una classifica delle eccellenze, a fianco dei cui nomi compare un indicatore numerico tra parentesi quadre che decreta il voto medio, in una scala di merito da zero a dieci, con il quale i collaboratori hanno valutato i titoli proposti dai singoli marchi nell'anno 2020.

 

A ridosso delle migliori realtà nazionali dell'anno vi sono una serie di case editrici al cui lavoro si riconoscono caratteri di distinzione, tra cui BAO Publishing, Marsilio, L'Orma, Bollati Boringhieri, Clichy, SEM, La Nuova Frontiera, Galaad Edizioni, 66and2nd, ISBN, Rosenberg & Sellier, Fazi, E/O, Minimum Fax, Guanda, Miraggi, Aguaplano, Baldini & Castoldi-Dalai, Tunuè, Terrarossa, Il Palindromo, Medusa, Marcos Y Marcos, Elliot, Ponte alle Grazie ed altre, delle quali è doveroso segnalare l'impegno a prescindere dalla dimensione, dal peso politico e dal prestigio di ciascun gruppo.    


20.     Edizioni di Atlantide             [6.87]

19.     Neri Pozza                              [6.84]

18.     NNE                                         [6.85]

17.     Feltrinelli                               [6.86]

16.     Laterza                                   [6.90]

15.     Black Coffee                         [6.92]

 14.     Il Saggiatore                         [6.98]

13.     Einaudi                                   [6.99]

12.     Mattioli 1885                       [7.03]

11.     Nutrimenti                            [7.05]

10.     Exòrma                                  [7.07]

9.     Racconti Edizioni                   [7.08]

8.     Iperborea                                [7.10]

7.     Sellerio                                     [7.11]

6.     Nottetempo                            [7.24]

5.     Del Vecchio                             [7.35]

4.     Adelphi                                     [7.39]

3.     Keller                                        [8.03]

2.     Divergenze                              [8.28]

1.     Quodlibet                                [8.36]


OQ è un organigramma autonomo, svincolato da ogni apparato di sistema, istituzione o committente di sorta. La salvaguardia dell'indipendenza di OQ è garantita dallo Statuto, dall'assenza di fini di lucro, di compensi o ricavi di ogni natura dalla propria attività. Gli scopi di OQ sono esclusivamente di informazione culturale, votata a vagliare e certificare il merito tramite un'indagine costante, meticolosa e collettiva dei prodotti dell'editoria pura italiana. I caratteri dell'indagine sono elencati nello Statuto in homepage e tutelati dalla massima pluralità di valutazione. Tutti coloro i quali concorrono a tracciare le linee di merito dei marchi editoriali pubblicate da OQ non devono avere e non hanno rapporti, vincoli o legami di dipendenza alcuna con i suddetti marchi. Dal 1997 il Bollettino di OQ è presente nella sola versione web, e non ha altre pagine di riferimento che questa. 

La collaborazione è spontanea, priva di qualunque forma di lucro e l'identità dei collaboratori fissi o di chiunque, saltuariamente o regolarmente, presti il proprio tempo e la passione all'attività spontanea di OQ, è nota solamente allo staff e tutelata dalla linea di condotta dell'organigramma, che prevede l'anonimato per i singoli e risponde delle valutazioni come entità di gruppo.